HISTORY

International Circus Festival of Italy

Cos’è l’International Circus Festival of Italy?

L’International Circus Festival of Italy è l’unica manifestazione di settore che si svolga in Italia e che abbia rilevanza su scala mondiale nel panorama delle arti circensi. L’evento si pone l’obiettivo di contribuire ad incrementare l’attenzione del più vasto pubblico nei confronti del Circo e delle sue discipline. L’evento è strutturato a mò di competizione: gli artisti vengono selezionati tra numerosissimi candidati in modo da rappresentare differenti Paesi del mondo. Le discipline presenti al Festival sono prevalentemente quelle care alla tradizione circense; tuttavia viene riservata particolare attenzione anche alle discipline più innovative e sperimentali purché in sintonia con le più tipiche atmosfere del Circo. La valenza del Festival, tuttavia, va bene aldilà di quanto strettamente legato alla gara: gli artisti, infatti, hanno la possibilità di esibirsi di fronte ad esperti e tecnici del mondo del Circo e dello spettacolo dal vivo, potendo conseguire la visibilità che può consentire loro importanti opportunità lavorative.

Come nasce l’idea di un Festival Internazionale del Circo in Italia?

L’International Circus Festival of Italy nasce dalla volontà del suo compianto ideatore, Giulio Montico, già artista di grande esperienza in numerosi circhi europei. La sua tenacia, insieme con l’entusiasmo e l’energia che solo i membri di una famiglia grande ed unita sanno darsi vicendevolmente, come è nel caso dei Montico, hanno fatto sì che, in Italia, potesse prendere forma non uno spettacolo itinerante, non un cliché già collaudato, ma qualcosa di unico, capace di assegnare al mondo del Circo ed a ciascuna delle sue discipline, quella dignità e quella autorevolezza che solo un evento dal carattere straordinario avrebbe potuto attribuire. Fu così che nel 1999 si poté realizzare la prima edizione del Festival Internazionale del Circo che, per intenzione di Giulio Montico, assunse, quale propria denominazione, il nome della città di Latina. La prematura ed inattesa scomparsa di Giulio Montico, occorsa nel 2008, ha assegnato ai suoi figli, Fabio, Fabiola, Fabrizio e Flavia, l’onere e l’onore di assumere la totale responsabilità della manifestazione. Nel 2014 il Festival ha cambiato la sua denominazione, diventando ufficialmente “International Circus Festival of Italy”. La modifica mira a sottolineare l’importanza del tratto internazionale della manifestazione, ormai in grado di coinvolgere i cinque continenti, elemento che la caratterizza fortemente come internazionale all’interno della cornice italiana.

Chi è Giulio Montico?

Giulio Montico nasce a Cona (Venezia) il 24 Settembre 1940 da Antonio Montico e Bianca Salvi. A Giulio, primogenito, viene dato dai genitori il nome di suo nonno. Egli fin da bambino respira l’aria del Circo: il “Circo Montico”, diretto da papà Antonio, intraprende una nuova attività nel secondo dopoguerra; risale al 1955 l’acquisto del primo elefante del Circo ed al 1958 l’acquisto dei primi grandi felini. Appena diciottenne Giulio diviene l’addestratore degli animali del Circo di famiglia. Il suo estro ed il suo talento, tuttavia, appaiono già allora notevoli; Giulio non è solo esperto ed attento compagno dei suoi animali, egli  apprende tante discipline care alla tradizione circense: è acrobata, clown e giocoliere. Dopo la chiusura del “Circo Montico”, Giulio intraprende una brillante carriera artistica che lo porta a lavorare nei più importanti circhi italiani degli anni ’70 tra i quali il Circo Togni, il Medrano ed il Circo Orfei. Il 16 Novembre 1966 Giulio sposa la donna della sua vita: Mirella Iuliano. Il loro è un amore totalizzante che li vedrà sempre ed ovunque fianco a fianco. Felici. La grande prova d’amore che Giulio dà alla sua compagna è la scelta di sospendere la propria carriera artistica nel 1978: Giulio ritiene che i suoi  continui spostamenti in Italia ed oltre confine possano non essere di giovamento alla nascente famiglia Montico: Giulio e Mirella scelgono di stabilirsi dunque a Latina, rinunciando al fascino della vita itinerante. Latina, scelta da Giulio perché ritenuta ideale per crescere dei bambini, diviene la nuova casa dei Montico e dei loro quattro figli: Fabio, Fabiola, Fabrizio e Flavia. Latina diviene anche la sede dell’impegno imprenditoriale di Giulio, creatore di aziende oggi affermate nell’ambito dello spettacolo viaggiante e degli allestimenti per lo spettacolo dal vivo. Giulio manca inaspettatamente e prematuramente all’affetto dei suoi cari il 1° Settembre 2008 alla vigilia della decima edizione del Festival. Il vuoto che egli ha lasciato è sempre vivo tra i tanti operatori del Circo che lo hanno conosciuto e che, indistintamente, lo hanno amato come artista, e prima ancora come uomo.

Qual è il significato della denominazione “Città di Latina” attribuita al Festival Internazionale del Circo?

In molti paesi del mondo, in ambito circense, si ritiene erroneamente che “Città di Latina” sia la denominazione del “trofeo” attribuito ai vincitori. Appare quindi opportuno precisare che il Festival ha portato nella propria denominazione il nome della città ove si svolge annualmente. Latina è un comune italiano di circa 120.000 abitanti ed è, pertanto, la più grande città del Lazio dopo Roma. Latina è capoluogo dell’omonima provincia nel Lazio. È una delle più giovani città d’Italia: fu fondata durante il ventennio fascista, il 18 dicembre 1932, con il nome di Littoria ed assunse la denominazione attuale nel 1946. Latina sorge nel cuore dell’Agro Pontino, in un territorio in larga parte pianeggiante. La città si trova a pochi chilometri dal mar Tirreno e dai rilievi montuosi dei monti Lepini. Il suo territorio comunale, fra i più vasti del Lazio, comprende anche numerosi “borghi di fondazione”, centri agricoli creati durante la bonifica delle paludi, che anticamente lo ricoprivano. Una parte del suo territorio fa parte delle aree tutelate del Parco Nazionale del Circeo, dove si trova anche il lago di Fogliano.

Quando e come si svolge l’International Circus Festival of Italy?

L’International Circus Festival of Italy si svolge ogni anno a Latina a cavallo della terza domenica del mese di Ottobre: le prime tre giornate (dal Lunedì al Mercoledì) sono dedicate alle prove, mentre quelle destinate agli spettacoli sono cinque (dal Giovedì al Lunedì). Gli artisti in gara sono divisi in due gruppi e si esibiscono una volta al giorno di fronte ad una “Giuria Tecnica Internazionale” composta dai titolari o dai responsabili dei più importanti circhi, agenzie di spettacolo, accademie di Circo del mondo e da esponenti di chiara fama nei diversi ambiti dello spettacolo dal vivo. Nel susseguirsi delle giornate la Giuria opera una selezione dei migliori numeri in competizione ed allestisce la rosa degli artisti ammessi a partecipare alla serata finale del Lunedì al termine della quale vengono assegnati i premi. I parametri che vengono tenuti in considerazione ai fini della valutazione sono: l’originalità della performance, la coreografia, la qualità tecnica ed il grado di difficoltà. I premi attribuiti, salvo il caso di ex aequo, sono un “Latina d’Oro”, due “Latina d’Argento” e tre “Latina di Bronzo”. Un’ulteriore Giuria internazionale, composta dai rappresentanti della comunicazione, della stampa generalista e di settore e da esponenti di chiara fama nei diversi ambiti dello spettacolo dal vivo, assegna lo speciale premio della critica.

Come si inserisce il l’International Circus Festival of Italy nel più ampio panorama delle manifestazioni di settore?

L’International Circus Festival of Italy è membro dei massimi organismi di settore: l’ECA – European Circus Association e, per il suo tramite, la Fédération Mondiale du Cirque, con sede a Montecarlo e patrocinata da S.A.S. la Principessa Stéphanie di Monaco e l’Ente Nazionale Circhi. Nel novero dei Festival Internazionali del Circo, esso è il più prestigioso in Europa insieme a quello di Montecarlo sia per la visibilità conseguita nel settore, sia per le dimensioni proprie dell’evento.

Quali sono le Istituzioni pubbliche che, in varia maniera, esprimono il proprio favore nei confronti del Festival?

L’International Circus Festival of Italy, nel corso delle sue edizioni, ha potuto vantare numerosi riconoscimenti da parte delle Istituzioni pubbliche: il Presidente della Repubblica Italiana assegna annualmente dall’anno 2002 due medaglie ad altrettanti artisti che si siano particolarmente distinti; il Parlamento Europeo, la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, il Ministero degli Affari Esteri, il Ministero per la Gioventù, il Consiglio Regionale del Lazio e diversi Assessorati regionali, le Amministrazioni della Provincia e del Comune di Latina, la Camera di Commercio di Latina, hanno conferito il proprio patrocinio. Ulteriori patrocini sono stati accordati al Festival nelle scorse edizioni da: Fédération Mondiale du Cirque, ECA – European Circus Association, Ente Nazionale Circhi, Sapienza – Università di Roma, Università degli Studi di Roma Tor Vergata, Forum of Christian Organizations for the Pastoral Care of Circus and Carnival Workers, Migrantes – Fondazione della Conferenza Episcopale Italiana, Associazioni e Federazioni sportive.

In quali strutture si svolge il Festival?

La “Cittadella del Circo” allestita a Latina in occasione dell’International Circus Festival of Italy è un imponente allestimento realizzato interamente con tensostrutture: oltre ad un lussuoso Chapiteau della superficie di 2160m2 dotato delle più avanzate tecnologie per il migliore svolgimento degli spettacoli, è presente un Foyer di 1000 m2 che accoglie artisti ed ospiti, una sala stampa per gli organi della comunicazione, un ristorante di 350 m2, un imponente backstage ed aree ricreative e di soggiorno. Personale artistico, tecnico e della produzione è alloggiato nelle vicine strutture alberghiere.

 

 

NUMERI

 

Una stima del lavoro di produzione e di allestimento del Festival può essere tentata attraverso l’indicazione di alcune cifre relative all’ultima edizione (diciottesima), che si è svolta ad Ottobre 2016, che qui assumiamo quale edizione di riferimento:

  • 22 i numeri in competizione che si sono esibiti;
  • 14 le nazioni rappresentate;
  • 4 i contintenti rappresentati;
  • 14 i membri della la giuria tecnica internazionale, in rappresentanza di 14 diverse nazioni;
  • 12 i membri della giuria della critica, in rappresentanza di 5 diverse nazioni;
  • 400 le persone coinvolte, tra componente artistica, tecnica e della produzione ha raggiunto le categorie: press 30, expo 17, staff 113, guest 42, jury 27, artist 123, production 50;
  • 9 spettacoli realizzati, che hanno registrato 9 sold out;
  • 15.000 gli spettatori che hanno visitato il festival;
  • 2500 i pernottamenti pianificati dalla produzione;
  • 2000 i pasti confezionati e serviti nelle strutture del Festival, nel rispetto delle differenze culturali che devono essere tenute in considerazione anche nell’allestimento dei menu;
  • 4000 m²  di superficie destinati a spettacoli ed attività collaterali;
  • 4 km di cavi elettrici e 3 gruppi elettrogeni per 500 KW di potenza;
  • 10.000 i km percorsi dalle autovetture del Festival per i servizi di accompagnamento degli artisti da e per gli aeroporti romani;
  • 33 i comunicati stampa realizzati;
  • 2 le pubblicazioni realizzate: una rivista di 72 pagine patinate (di cui 17 dedicate ai maggiori circhi e Festival di Circo a livello mondiale) ed una brochure di 20 pagine a carattere promozionale.


 

CREDENZIALI

Riportiamo, a titolo esemplificativo, una selezione di alcuni tra i Circhi, la Accademie ed Agenzie di Circo che hanno preso parte ai lavori della Giuria Tecnica Internazionale nelle scorse edizioni:

 

  • American Circus, rappresentato ufficialmente dal suo Direttore, Enis Togni, e dal co-produttore, Flavio Togni;
  • China Flag Circus, rappresentato ufficialmente dal suo Direttore, Li Xining;
  • Circo Darix Togni, rappresentato ufficialmente dal suo Direttore, Livio Togni;
  • Circo di Stato di Mosca Bolshoi, rappresentato ufficialmente dal suo Direttore generale, Tatiana Zapashnaya;
  • Circo Moira Orfei, rappresentato ufficialmente dal suo Direttore, Walter Nones;
  • Cirque du Soleil, Circo ufficialmente rappresentato dal Vice Presidente della Divisione Casting e Creazione delle

performance, Bernard Petiot;

  • European Circus Association, rappresentata ufficialmente dal suo Presidente, Urs Pilz;
  • Federazione Mondiale del Circo, rappresentata ufficialmente dal suo Presidente, Urs Pilz;
  • Festival Internazionale del Circo di Monte-Carlo, rappresentato ufficialmente dal suo Direttore Artistico, Urs Pilz;
  • Festival Internazionale del Circo di Budapest, rappresentato dal suo fondatore, Istvan Kristof;
  • Festival Internazionale dei Clown di Ekaterimburgo, rappresentato dal suo Direttore, Anatoly Marchevsky;
  • Firebird Productions, Agenzia di Circo ufficialmente rappresentata dal suo Presidente, Peter Dubinsky;
  • Gran Circo Mundial, Circo spagnolo ufficialmente rappresentato dal suo Direttore, Josè Maria Gonzalez Villa;
  • Le Noir, compagnia canadese rappresentata dal suo Direttore, Mathieu Laplante;
  • Moscow International Youth Festival of Circus Arts, rappresentato ufficialmente dal suo Direttore, Boris Fedotov;
  • Moulin Rouge, rappresentato ufficialmente dal suo Direttore artistico, Thierry Outrilla;
  • Palazzo Produktionen GmbH, rappresentato ufficialmente dalla creative director Steffi Haberl;
  • Ringling Bros. And Barnum & Bailey, rappresentato dal suo Direttore Vinicio Murillo;
  • Rosgoscirk, Circo di Stato russo ufficialmente rappresentato dal suo Direttore generale, Vadim Gagloev;
  • Tianjin Acrobatic Troupe, rappresentata ufficialmente dal suo direttore, Hou Quangen;
  • Unione Circhi Kobzov, Circhi ucraini ufficialmente rappresentati dal loro Direttore, Nikolay Kobzov.

 

Riportiamo, a titolo esemplificativo, una selezione di alcuni tra i giornalisti e le personalità del mondo dello spettacolo che hanno preso parte ai lavori della Giuria della Critica nelle scorse edizioni:

 

Christian Hamel – Le Cirque dans l’Universe; Sven Rindfleisch – Circus Zeitung; Christophe Roullin – Circorama; Dario Duranti – Circusfans; Vicente Llorca – Zirkolika; Adolfo Rossomando – Juggling Magazine; Piero Messana – Circo e Video Sicilia; Flavio Michi – amicidelcirco.net; Dina Tomezzoli – Periodico Contatto; Andrey Gutnik – procircus.ru.

 

Brigitta Boccoli, soubrette; Elena Zaika, pittrice; Antonio La Rosa, attore; Vera Gemma, attrice e regista; Camillo Pace, cantautore; Valerio Moro, danzatore; Angela Calefato, attrice.

 

Le più grandi Associazioni di categoria, non solo hanno stabilmente accordato il proprio patrocinio morale al Festival, ma lo hanno scelto quale sede privilegiata per la realizzazione di congressi e meeting dedicati ad una sempre più attenta e condivisa riflessione su tematiche care al mondo del Circo; di seguito, a titolo esemplificativo, alcuni annotazioni al riguardo:

 

  • La Federazione Mondiale del Circo, presieduta da S.A.S. la Principessa Stephanie di Monaco, ha organizzato nella giornata nelle strutture del Festival workshop e colazioni di lavoro;
  • L’ECA, European Circus Association, presieduta da Urs Pilz, ha organizzato nelle strutture del Festival workshop, incontri conviviali e di lavoro;
  • L’Ente Nazionale Circhi, presieduto da Antonio Buccioni, ha organizzato nelle strutture del Festival workshop, incontri conviviali e di lavoro;
  • La Federazione Italiana dello Spettacolo Viaggiante ha organizzato workshop nelle strutture del Festival.

 

Nel corso delle sue edizioni, il Festival ha potuto vantare il Patrocinio ed il supporto di:

 

  • MiBAC, Direzione Generale per lo Spettacolo dal Vivo;
  • Comune di Latina;

 

oltre al Patrocinio morale accordato da:

 

  • Ministero degli Affari Esteri;
  • Ministro per l’Integrazione;
  • Provincia di Latina;
  • Camera di Commercio di Latina;
  • Università di Roma Tor Vergata;
  • Federazione Mondiale del Circo;
  • European Circus Association;
  • Ente Nazionale Circhi;
  • Migrantes, Fondazione della Conferenza Episcopale Italiana;
  • Forum of Christian Organizations for the Pastoral Care of Circus and Carnival Workers;
  • Federazione Italiana Sport Acrobatici e Coreografici;
  • Organizzazione per l’Educazione allo Sport.

 

Numerose le autorità politiche, civili, militari e religiose che hanno attestato in modo significativo il proprio apprezzamento al Festival nel corso delle trascorse edizioni:

 

  • Il Presidente della Repubblica Italiana ha assegnato medaglie quale proprio premio di rappresentanza all’Associazione Culturale “Giulio Montico”;
  • Il Sindaco di Latina ha presieduto tutte le tappe pubbliche istituzionali del Festival (dalla conferenza stampa di apertura, al ricevimento delle autorità del Circo nella Sala Consiliare, fino alla premiazione delle serata finale);
  • Il Presidente della Provincia di Latina ha inviato un proprio saluto ai partecipanti al Festival (saluto pubblicato in due lingue sul programma di sala);
  • Il Direttore Generale per lo Spettacolo dal Vivo del MiBAC ha inviato un proprio saluto ai partecipanti al Festival (saluto pubblicato in due lingue sul programma di sala);
  • Il Presidente dell’Ente Nazionale Circhi, Dr. Antonio Buccioni, ha partecipato a numerosi degli appuntamenti in programma oltre ad aver inviato un proprio saluto ai partecipanti al Festival (saluto pubblicato in due lingue sul programma di sala);
  • La Chiesa Cattolica ha espresso partecipazione e vicinanza attraverso tutta una serie di iniziative: la partecipazione degli artisti del Festival all’Udienza Generale di Papa Francesco in San Pietro; la celebrazione di una Santa Messa nella pista del Festival; S.E. il Cardinale Antonio Maria Vegliò, Presidente del Pontificio Consiglio della Pastorale per i Migranti e gli Itineranti, Mons. Giancarlo Perego, Direttore della Fondazione Migrantes della Conferenza Episcopale Italiana, Padre Bernard van Welzenes, Segretario Generale del Forum delle Organizzazioni Cristiane per la Cura Pastorale dei Circensi e dei Fieranti, hanno inviato un proprio saluto ai partecipanti al Festival (saluto pubblicato in due lingue sul programma di sala).

 

 

 

EVENTI COLLATERALI

 

Il Festival è impreziosito da svariati progetti collaterali e da numerose partnership; ne elenchiamo i principali:

  1. “Circus Expo” ha lo scopo di presentare all’opinione pubblica le numerose e varie implicazioni della cultura circense nelle più differenti modalità espressive delle arti e della comunicazione. In tal modo il International Circus Festival of Italy si propone di ampliare la propria offerta culturale ad un pubblico sempre più ampio. “Circus Expo” è uno spazio espositivo di oltre 1000 metri quadrati allestito all’interno della struttura che ospita il International Circus Festival of Italy. All’interno di “Circus Expo” artisti di varia estrazione hanno la possibilità di esporre i propri lavori: sono presenti mostre fotografiche, dipinti, sculture, plastici e modellini, reportage, e tutto quanto nelle più differenti forme dell’arte possa evocare o rappresentare il mondo del Circo o, più in generale, dello spettacolo dal vivo. Di particolare rilievo nelle passate edizioni la partecipazione del Museo d’Arte Circense di San Pietroburgo che ha allestito esposizioni di proprie stampe a tema circense, del C.E.D.A.C., il Centro Educativo di Documentazione delle Arti Circensi, e di numerosi artisti dell’AMI.BE.C., l’Associazione Culturale, senza fini di lucro, apartitica e apolitica creata da dipendenti del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Nel 2016 si è svolta la settima edizione.
  2. “Caffè letterario”. E’ insospettabile la ricchezza della produzione letteraria ispirata o dedicata al mondo del Circo. Dalla narrativa alla poesia, dalla saggistica alla divulgazione di settore; numerose e spesso di particolare pregio sono le opere in commercio in Italia e nel mondo. Tale patrimonio, talora poco visibile negli scaffali delle librerie, merita senz’altro maggiore attenzione da parte del più vasto pubblico. Il International Circus Festival of Italy ha dato il proprio contributo in tale direzione inserendo nel proprio programma un “Caffè letterario a tema circense”: una sorta di laboratorio di idee dove, attorno ai tavolini di un caffè, si può sorseggiare una bevanda calda apprezzando lo sforzo letterario di alcuni autori che dal Circo si sono lasciati affascinare. Nel 2016 si è svolta la quarta edizione.
  3. Partnership e collaborazioni. L’International Circus Festival of Italy si propone di individuare strategie di collaborazione e di reciproco sostegno tra eventi e manifestazioni diverse, o anche con esponenti di chiara fama nei vari ambiti dell’impegno artistico. Con tali collaborazioni il Festival si propone di contribuire al proprio sviluppo culturale suggellando l’incontro e la contaminazione tra le discipline del Circo e le altre forme dello spettacolo: in questo modo si intende sostenere la riflessione circa l’opportunità di eliminare le barriere che appaiono dividere le diverse forme di espressione dell’Arte: si propone, cioè, di passare dalla “cultura delle arti” alla “cultura dell’Arte”. Di particolare rilievo in tal senso l’incontro e la contaminazione tra la Danza e le discipline del Circo conseguiti attraverso il sodalizio tra il International Circus Festival of Italy ed il campionato di Danza Acrobatica “Extreme Dance Championship”. La Lirica, la Poesia, la Musica Classica e la Musica Leggera trovano accoglienza nella pista del Festival integrandosi perfettamente all’interno degli spettacoli circensi. Entrambe le Giurie del Festival vedono al proprio interno esponenti di chiara fama nei diversi ambiti dello spettacolo dal vivo. Inoltre, come detto sopra, la Pittura, la Scultura, il Modellismo e la Fotografia sono sempre presenti all’interno di “Circus Expo”, così come la Letteratura è protagonista del “Caffè letterario”.
  4. Migrantes, Fondazione della Conferenza Episcopale Italiana che si occupa dei diversi mondi della mobilità umana, da anni è attenta a valorizzare anche il mondo e le comunità dei circhi. In tal senso il International Circus Festival of Italy è impreziosito da una serie di attività, organizzate e realizzate da Migrantes per offrire agli artisti convenuti a Latina da ogni parte del mondo una attenzione pastorale di natura ecumenica: uno “Spazio Migrantes” viene allestito all’interno del Foyer per l’assistenza pastorale continua; all’interno dello Chapiteau si tiene una solenne celebrazione durante la mattina della Domenica; il Mercoledì precedente l’inizio del Festival gli artisti che lo desiderano partecipano all’Udienza Generale del Santo Padre presso la Città del Vaticano.
  5. Progetto “Accoglienza interculturale dei giovani artisti”: l’International Circus Festival of Italy, in quanto crocevia di persone diverse per nazionalità, cultura, religione, lingua si presta a diventare motivo e luogo di incontro interculturale. Allo scopo di far sentire accolti gli artisti partecipanti al Festival dai giovani della città di Latina, giovani volontari si occupano di proporre ai loro coetanei provenienti dai 5 continenti una serie di iniziative. Tutti i giorni nel Foyer del Festival, durante le ore di permanenza degli artisti, è attivo il servizio “Artists Welcoming Committee”: un’opportunità per l’incontro, lo scambio e l’amicizia tra giovani di Latina e giovani artisti. Di giorno in giorno vengono proposte piccole attività sia interne all’area del Festival che sul territorio per contribuire a creare un clima di accoglienza e di integrazione fra tutti i giovani presenti: in tal senso gli artisti hanno sempre a loro disposizione uno o più “amici” italiani, loro coetanei, con i quali poter visitare la città di Latina o i piccoli comuni della sua provincia. Gli stessi volontari, inoltre, si rendono disponibili ad accompagnare gli artisti ovunque essi abbiano necessità di recarsi (farmacia, negozi di alimentari o di souvenir…).
  6. Progetti Università degli Studi di Roma “Sapienza” e “Torvergata”: le implicazioni culturali di un evento delle dimensioni e della caratura dell’International Circus Festival of Italy sono notevoli: le Università degli Studi di Roma “Sapienza” e “Torvergata”, e l’Associazione Culturale “Giulio Montico” che produce l’evento hanno stipulato, nelle scorse edizioni, una convenzione per la realizzazione di tirocini formativi che studenti e laureati degli Atenei romani possono condurre all’interno della macchina organizzativa del Festival implementando le proprie competenze. I tirocinanti sono coinvolti dapprima nella fase di produzione del Festival e successivamente nella fase di realizzazione esecutiva dell’evento.
  7. Progetto “Circo e diversamente abili”: l’accoglienza, l’accompagnamento e l’assistenza dei diversamente abili durante le prove, nel “backstage” e durante gli spettacoli del Festival sono prestati a titolo gratuito da operatori volontari. In tal modo il Festival offre ai diversamente abili la possibilità di confrontarsi con una dimensione speciale della realtà, provando a valicare, sia pure per qualche ora, i limiti ed i confini spesso loro imposti dalla quotidianità.
  8. Forum e congressi: L’International Circus Festival of Italy dispone di spazi e strumenti adatti allo svolgimento di conferenze stampa, meeting, congressi che abbiano una attinenza con le tematiche ascrivibili al mondo del Circo: la Fédération Mondiale du Cirque e l’ECA hanno più volte individuato nelle strutture del Festival la sede adatta per le proprie attività statutarie condotte alla presenza dei massimi esponenti del mondo del Circo dei cinque continenti. Di particolare rilievo il primo Congresso Scientifico dal titolo “Circo e Medicina” organizzato nel 2011 in collaborazione con l’Università degli Studi di Roma “Torvergata” allo scopo di riflettere sulle numerose implicazioni delle discipline del Circo in ambito medico.

 

 

Share:
Associazione Giulio Montico – Indirizzo: Via Acque Alte, km 0.500, 04010 Borgo Piave 04100 Italia Partita IVA: 02067380598